Chloé Graftiaux muore in un incidente sulle Alpi


Sabato 21 agosto, durante la salita dell’Aiguille Noire du Peterey, Chloé cade e muore. Aveva 23 anni l’atleta belga vincitrice dell’Ice Climbing World Cup e della Bouldering World Cup nel 2010. Viveva a Grenoble e sognava di diventare una guida alpina. Pochi sono i dettagli sull’accaduto: sembra che Chloè stesse scalando slegata uno spigolo ed un blocco di roccia a cui si è appigliata si è staccato. La ricorderemo con il suo sorriso, la sua semplicita' e la sua passione. Il funerale avrà luogo mercoledì 25 agosto nella chiesa di Aussois in Maurienne (dall’Italia subito dopo il colle del Moncenisio o eventualmente passando dal traforo del Frejus). Per lasciare un messaggio di conforto alla famiglia puoi visitare il sito www.chloegraftiaux.com

Bside Factory @ Vertigo Climbing Village

Bside Factory al Vertigo di Pollenzo

Terminati i lavori per rinnovare il muro di arrampicata del Vertigo di Pollenzo. B-side Factory insieme ai soci del Vertigo hanno preparato nuovi profili tutti da scalare. Il presidente dell’associazione, Fulvio Silvestri ha promesso una grande festa di inaugurazione a settembre con data ancora da definire. Prossimamente tutte le info su questo sito…

Guarda la Photogallery di Fulvio Silvestri.

Arcadémicien, 8c a Céüse

Si tratta della via aperta aperta da Sylvain Millet (vedi foto a fianco) l’anno scorso nel settore Demi-Lune di Céüse. All’inizio di quest’estate, durante un tentativo, la francese Stéphanie Bodet rompe un appiglio prorpio sul passaggio duro! Si ricomincia da capo, bisogno ripetere la via e la prima a farlo è la talentuosa Alizée Dufraisse. Poco dopo la segue il giovanissimo Enzo Oddo e a seguire Gabriele Moroni e Matteo Gambaro che a caldo racconta la sensazioni nel finale della via…

« Decido di riposare poco e mi lancio verso la sezione... incredibilmente salgo e non mi areno come temevo sul passo chiave... e vista la buona presa finale stavolta mi tuffo e la tengo! Da lì alla catena la via scende di intensita' ma la tensione e la fatica  ingolfano i movimenti e quei pochi metri li ricordero' sempre...»

Qui sotto puoi vedere il video di Alizée Dufraisse…

Chironico Night Session 2010 - 11 settembre

Chironico Night Session 2010
E' in programma per sabato 11 settembre la Night Session di bouldering con le lampade frontali Petzl. L'evento, ormai giunto alla terza edizione, si svolgerà sui massi di Chironico. Per rivivere l'atmosfera della scalata notturna riportiamo qui di seguito una sintesi dell'edizione 2009.

<< Sabato 3 ottobre 2009. Cartolina da Chironico. Si e' svolta durante una perfetta serata autunnale di luna piena la seconda edizione della Night Session, raduno internazionale di boulder in notturna ideato da Luca di Biase, che ha portato nei meravigliosi boschi di castagni del paese del Canton Ticino piu' di 200 appassionati di blocchi. In circa 180 hanno partecipato alla gara accendendo il bosco di centinaia di pile frontali una volta che, tramontato l'ultimo sole e scomparso l'ultimo chiarore naturale, la notte ha coperto tutto con l'atteso buio. Si', perche' per fare un'esperienza come quella di una Night Session di blocchi, non si puo' che partecipare a questo evento, non si puo' che unirsi, spalla a spalla con chi non si conosce, per andare alla ricerca del blocco da affrontare; non si puo' che contare, oltre che sulla propria forza, sulla complicita' dei compagni di giro. Piu' che in altre situazioni, e' in una gara come questa che emerge, forte come non mai, l'unione di contrasti apparenti come competizione e solidarieta', rivalita' e aiuto, buio e luce.

Vertical Line ai murazzi del Po di Torino

Verticalife vi invita ad un nuovo gioco adrenalinico, la VERTICAL LINE, la prima teleferica con carrucola che attraversa il Po da una sponda all'altra. Non c'è nulla da fare, nessuno sforzo o capacità particolari, solo il coraggio di tirare un bel sospiro e lasciarsi andare. La Vertical Line è aperta tutti i venerdi dalle 17.00 alle 22.30 e tutti i sabati e domeniche dalle 10 alle 22.30. Il costo di un lancio è più che abbordabile, con 5 euro vi assicurate un minuto di emozione unica...VOLARE SUL FIUME PO e vedere Torino da un punto di vista sensazionale.
La Vrtical Line vi aspetta a Torino, presso i murazzi del Po lato destro (guardando la G.Madre)
La Vertical Air Lines vi prega di allacciare le cinture....si vola!

Ultra Trail Mont Blanc – dal 24 al 29 agosto

Sette vallate, 71 ghiacciai, 400 cime... il massiccio del Monte Bianco affascina. Percorrere il giro del Monte Bianco vuol dire scoprire un universo incomparabile, quello dell'alta montagna impressionante e magico; vuol dire condividere il sogno eterno dei pionieri; vuol dire attraversare il giardino fiabesco di Gaston Rebuffat ed i racconti di Roger Frison-Roche e scoprire l'intimità delle cime: la cupola del Monte Bianco, la cresta di Bionnassay, la Noire di Peuterey, il Dente del Gigante, la parete delle Grandes Jorasses, le cime nord e sud dell'Aiguille du Tour, l'Aiguille Verte, la verticale dei Drus. Visita il sito ufficiale della manifestazione: www.ultratrailmb.com

A Briançon vincono Lachat e Eiter

Manu Romain, vincitore di Serre Chevalier 2009, nella finale di Briançon 2010

Photogallery
Briançon 2010, le finali di sabato 31 luglio. Contesto completamente nuovo per la prima edizione della gara di arrampicata che da quest'anno prende il posto del vuoto lasciato dal tradizionale Master di Serre Chevalier. Piazza gremita di folla già a partire dalle 19 quando, poco dopo il tramonto, parte la finale femminile. Otto giovanissime atlete si sfidano su una via che costringe le ragazze a gesti di bravura, lunghi passaggi strapiombanti di braccia, capovolgimenti a testa in giù e lanci. Arrivano in catena solo le due atlete che dimostrano di non aver esaurito tutte le energie dopo i durissimi passaggi della via. Pathos ed emozione alta fino alla fine e tantissimi applausi per la giovane Angela Eiter che viene incoronata vincitrice di questa prima edizione. Gli uomini si sfidano quando la piazza e' ancora piu' piena e le luci intrattengo gli spettatori creando continue coreografie. La via maschile sembra impossibile. Subito un passaggio duro, poi strapiombi, situazioni che portano gli atleti a dinamiche "al rovescio", lunghi passaggi di braccia, lanci difficili al limite del probabile, equilibrismi. E siamo solo ai primi due terzi. Solo due atleti, Cedric Lachat e Manu Romain (vincitore della scorsa edizione) arrivano in odor di catena, ma nessuno chiude la via. Nessun rimpianto comunque per il pubblico presente che ha potuto godere di un bellissimo spettacolo con alti momenti di emozione dato dalle due vie spattacolari e dal livello dei contendenti.
Classifica maschile: 1-Cedric Lachat; 2-Manu Romain; 3-Ramon Puigblanque
Classifica femminile: 1-Angela Eiter; 2-Alexandra Eyer; 3-Maja Vidmar
Per saperne di piu' leggi il report dettagliato in francese su Planetgrimpe
Photogallery